Featured

Europa dell’Est. Ingratitudine Inquietante.


E’ un sentimento strisciante, sottorraneo, ancora non percepibile in tutta la sua forza. Eppure è concreto, chiamasi ingratitudine. Noi, cittadini europei orgoliosi della nostra storia, anche se col passare del tempo qualche pentimento riaffiora, gli inizi del nuovo secolo li abbiamo ben presenti. Il macigno della crisi economica e d’identità nazionalistica, con la sua cultura, tradizione e ideologia, non era che semplice discussione accademica. Il fenomeno immigrazione, solo di piccola entità, esisteva nelle statistiche demografiche. Tra il 1995 ed il 2000, Paesi della Vecchia Europa forti delle loro stabilità, sorridevano alla libera circolazione dei cittadini abolendo, attraverso l’adesione al Trattato di Schengen, ogni barriera di confine. Il culmine di speranze, intese come beneficio di appartenenza, lo si vide poi nel 2002 con l’immissione e la circolazione della moneta unica, l’Euro; azione successivamente corresponsabile del declino di forti potenze economiche. Continua a leggere

Titoli clamorosi. Spesso inutili o inopportuni dal circo mediatico.

schermata-2016-11-16-alle-18-17-36

La velocità con la quale veniamo riempiti di notizie, informazioni, dettagli, approfondimenti è tale per cui molto sfugge e altrettanto, a volte, pare eclatante tanto da lasciar a bocca aperta. Ora è di moda il Presidente eletto Donald Trump, 45° Presidente degli Stati Uniti d’America. Uno degli uomini più ricchi d’America e anche del Pianeta. L’uomo che ha spiazzato ogni sondaggio, colui che ha messo all’angolo l’establishment, prima repubblicano e poi attraverso l’esito elettorale, quello democratico, facendo finire per sempre l’era Clinton. Fiumi di inchiostro sulla stampa mondiale, minuti e minuti in speciali e telegiornali, focus sulla sua vita professionale e privata e sulle apocalittiche ipotesi di gestione del potere. Ma in mezzo a tutto ciò, nella foga di voler dire a tutti costi qualcosa e renderlo d’effetto, ecco per due giorni strombazzare che il Presidente eletto si priverà dello stipendio istituzionale, pari a 400 mila dollari. La storia ci informa che fino al 2015 in Sud America, il Presidente Uruguayano Josè Mujica, operaio e guerrigliero ai tempi della feroce dittatura, dal giorno del suo insediamento avvenuto nel 2010, rinunciò allo stipendio presidenziale pari a 8mila e cinquecento euro , facendosi bastare  soli 800 euro. Nell’annunciare la decisione ai media, e predisponendo che il denaro venisse devoluto ad organizzazioni non governative e famiglie bisognose, disse che la somma stabilita gli era sufficiente, pensando ai molti connazionali  quotidianamente nella povertà più miserabile. Ora, mia opinione, mi domando con quale coraggio dare enfasi alla rinuncia di un Presidente, tycoon miliardario, quando il gesto, seppur generoso, non credo abbia creato disagio al suo stato patrimoniale e men che meno alle abitudini quotidiane di vita, Vogliamo prenderci in giro ? Solo perché vicino ad ideologie di una parte politica, la notizia è stata gonfiata a dovere come fosse un salvatore della Patria ! Vergogna. Il gesto non vieterà a Trump di essere un buon Presidente e tanto meno di rendere benefici efficaci al Paese ma l’obiettività professionale dovrebbe trattenere la penna e la voce a certa stampa anche radio-televisiva. La comparazione con Mujica parrebbe doverosa ma renderla pubblica avrebbe fatto arrossire anche il più indifferente spettatore.

USA 2016 : anche io ho cercato di fermare il tempo !

94130252-dda1-4ca0-a3d6-366d1a5ea4f9

New York. Ultima pagina del diario di viaggio nelle Presidenziali americane. Dopo il frastuono, il silenzio, la riflessione. Superato lo sbigottimento per un finale imprevisto, ma non troppo, ho cercato con serietà di comprendere il perché abbia perseguito con motivazione, entusiasmo e attivismo la scelta di supportare Hillary Clinton, e alcune conclusioni hanno modificato in parte il mio pensiero.

D’altronde chi a volte non erra nel fare scelte o apporre giudizi ? No, non sto affermando di aver cambiato idea sul Presidente eletto Trump,  ho solo cercato obiettivamente, di scavare nelle radici delle mie convinzioni ed ho compreso che alcune di esse erano edulcorate da illusioni legate alla mia storia personale, alla crescita, all’avanzare degli anni. Sì…esattamente.

Continua a leggere

Sulla bonaccia dell’Election Day, soffia gia’ il vento dell’impeachment.

img_5013
New York. Finalmente ci siamo. L’America e’ pronta ad eleggere il nuovo Presidente. Quella che si prospetta pero’, dagli umori ed informazioni raccolte oggi nei quartieri generali e tra la gente comune, e’ la consapevolezza che qualora la candidata democratica vincesse con esiguo margine, avrebbe un mandato durissimo, minacciato costantemente dal ricatto repubblicano di metterla fuori gioco. E’ piu di un semplice rumors , parrebbe un piano gia’ ben delineato. La partita e’ ancora aperta, ma la svolta imprevista del comunicato FBI ha ridato smalto alla Clinton affrancandola sul punto percentuale di vantaggio, troppo poco pero’ per mettere alle corde Donald Trump. I dati ufficiali comunicati dalle Tv americane a poche ore dall’apertura dei seggi, indicano comunque una insoddisfazione maggiore qualora l’eletto fosse proprio lui, il 48% dei cittadini americani sostiene questo mentre Hillary e’ al 43%. Questa sera lei sta tenendo un mega comizio a Philadelphia , con ospiti illustri dal marito Bill, la figlia Chelsea e addirittura Barak e Michelle Obama, capace di infiammare le masse, ultimo ma non ultimo Bon Jovi. Donald galoppa vertiginosamente tra uno Stato chiave e l’altro ripetendo il mantra, “spazzerò via la corruzione e la corrotta” e giu’ ovazioni e urla. Le Tv , sia quelle via satellite che quelle via cavo, sono gia’ in piena operatività’ lasciando fiato per respirare solo durante gli innumerevoli breaks pubblicitari. Si chiude quindi la campagna peggiore e piu’ costosa della storia repubblicana ma ci auguriamo non abbatta anche un altro record… quello del mandato piu’ breve. A domani.

“One Man Show” contro tutti per il countdown finale .

img_1100

New York. In queste ore di permanenza dentro la campagna elettorale che porterà un nuovo Presidente alla Casa Bianca, non son più tanto gli scandali giornalieri a sorprendere gli osservatori ma l’assetto d’attacco delle rispettive compagini : democratici e repubblicani. È’ incredibile leggere le cartelle stampa ufficiali sugli interventi dei due candidati negli Stati, quello che balza immediatamente agli occhi è la differenza strategica a poche ore dall’elezione. Se da una parte  Hillary Clinton, in piena difficoltà, ha schierato una macchina da guerra che comprende i pezzi da novanta del partito, compreso il Presidente in carica che mai nella storia si è visto così impegnato a favore di un collega, Donald Trump si basta da solo. Così come è partito in primarie , convinto di essere lui il prescelto, infatti si è sbarazzato poco alla volta dei fantocci di partito, uno peggio dell’altro ed incapaci di fermare tanta carica, così arriva alla linea del traguardo, contando solo sulle sue idee populiste e arroganti ma capaci di catalizzare ovunque , gli scontenti, i disoccupati e giovani ribelli ad una politica sbagliata e corrotta Continua a leggere

Dietro una macchina efficientissima ci sono loro…i volontari. USA 2016

img_1085

New York . Oggi breve visita al quartiere generale della candidata democratica, nel quartiere di Brooklyn. Il clima non era certo quello di un anno e mezzo fa quando, dopo trepidante attesa l’ex Segretario di Stato annunciava la sua candidatura. E’ pure peggiorato dal tempo in cui un rivale dai capelli grigi nelle primarie le strappava consensi e attirava folle di giovani speranzosi. No, oggi il clima era nevrotico sul depresso andante, forse anche complice una stanchezza incredibile . Loro sono ovunque, nella città se ne incontrano a decine e decine, chi suona a citofoni, chi ferma per strada e chi sta dietro banchetti a raccogliere fondi vendendo gadgets. Vengono anche da altri Stati, chiamati per l’emergenza. Uno l’ho trovato in ascensore nel mio hotel. Michael, 28 anni del Colorado. A lui tocca suonare i citofoni con tutte le conseguenze del caso, con se’ aveva un plico di tabulati con nomi, cognomi, indirizzi, numeri di telefono e mail. Ama la politica, afferma che lei sara’ un ottimo presidente e per la prima volta ogni donna d’America potra’ sperare di contare di più’, in un Paese ancora troppo maschilista. Continua a leggere

Due eventi sotto gli occhi del mondo : New York sold out.

img_1033

New York. Prima giornata nella Big Apple che si appresta ad ospitare due eventi di massa oramai sotto i riflettori di tutto il mondo : la maratona che si terra’ domenica 6 e l’elezione del Presidente americano martedì 8. Due appuntamenti che stanno attirando nella metropoli , decine di migliaia di persone per non dire di piu’. I maratoneti provengono da ogni parte del mondo, affollano aeroporti (3), taxi, metropolitane, hotels e strade. Tutti in perfetta forma, conoscono percorsi, difficolta’ e soprattutto se italiani anche il programma di soggiorno super pianificato, almeno stando a sentire i commenti camminando o incrociandoli alle soste di semafori o mezzi pubblici . L’altra e’ la categoria dei media: giornalisti, free lance, reporter, fotografi, analisti, commentatori, sono a centinaia e si trovano ovunque, negli Starbucks , nei pubs, o nei tavolini esterni di brasserie o ristoranti, infatti dimenticavo di dirvi che qui il clima e’primaverile , pare di esser a Roma nelle famose serate d’autunno ancora inzuppate dell’estiva calura. Continua a leggere

Un viaggio impegnativo nel fight club delle elezioni USA 2016.

bigdebate-fan

Ci siamo ! Poche ore e sarò in volo per “the Big Apple” negli USA. Nel frattempo vengo costantemente aggiornato sugli umori e sviluppi delle rispettive campagne elettorali in corso ed è il caso di dirlo … Il caos regna sovrano. Nel giro di pochi mesi siamo passati dall’arco e frecce all’artiglieria pesante e dopo la riapertura dei carteggi (già archiviati con apposita inchiesta) relativi ad una grazia concessa dal “vecchio Bill” pochi giorni prima della sua uscita di scena, ad una magnate di dubbia fama, ci si aspetta ironicamente che Trump si scopra essere un immigrato clandestino o il finanziatore dell’Isis. Di certo, la tensione è altissima nei rispettivi campi e quel che più preoccupa gli addetti alla sicurezza sono i “supporters” agguerritissimi nel sostenere i loro candidati. Gli ultimi dati rilevano oramai un testa a testa ma il dato sicuro, il repubblicano, godendo dello scivolone in casa democratica, sta rimontando alla grande. I democratici dal canto loro sperano in qualcosa di divino per riportare a casa quegli elettori indecisi che, grazie ad un lavoro durissimo e costoso avevano recuperato negli ultimi due mesi. Tutto questo in mezzo a cittadini americani sempre più sconcertati da una politica perdente, sconsacrata e senza precedenti, pronta a scavare nel putridume degli affari più miserabili pur di erodere consensi all’avversario. Chi l’avrebbe detto che il teatro del sempre peggio a cui siamo abituati da anni nella politica italiana, avrebbe avuto concorrenti di così grande fama ! Chiunque verrà eletto, sarà un Presidente con poteri ricattabili ma soprattutto senza un vero e proprio consenso popolare. Fa fede la frase rilasciata in un’intervista da un elettore qualunque  ad un cronista americano : ” peccato non ci possano essere due perdenti “. Ed ora check veloce di documenti, carte, mappe e programmi di lavoro perché a notte fonda, turbolenze permettendo, farò mio, il sogno americano !

Cautela anche quando i fatti sembrano scontati.

hillary-angry-2

Nelle ultime settimane molti mi chiedevano il perché di tanta cautela nel commentare una possibilissima vittoria dell’Ex Segretario di Stato Hillary Clinton, come prossimo Presidente degli USA, nonostante il suo distacco dal repubblicano Trump fosse oramai a doppie cifre. La risposta era semplice, poiché le notizie in mio possesso e provenienti dai quartier generali dei candidati, indicavano che le cose non stavano affatto girando come le macchine elettorali indicavano. Il malcontento ma, soprattutto l’antipatia, l’odio verso la candidata democratica non facevano altro che buttare benzina sopra un fuoco mai spento e si sa, quando il serpente sta per morire lancia sempre qualche colpo di coda. E qui il colpo è un fendente, quasi a giustificare le uscite pesantissime nei giorni scorsi del Washington Post che a raffica ha pubblicato il contenuto di alcune mail segrete, gettando in pasto all’elettorato indeciso e vicino ai democratici, i nomi dei finanziatori maggiori della campagna Clinton, creando non pochi problemi e reazioni. Troppe cose accadute, come si direbbe, a perfetto sincrono, per non dubitare anche di una strategia distruttiva mirata ma, dobbiamo attenerci ai fatti e senza dubbio , perché il direttore dell’ F.B.I. decida di riapre un caso a pochi giorni dall’elezione generale significa che qualcosa di veramente significativo esiste. La tensione, indica chi è al seguito del Team Clinton negli ultimi giorni era alle stelle e che qualcosa stesse per sfuggire di mano era palpabile. Ora , riuscirà Madame Clinton a tenere l’onda supportata nel frattempo  da pesi massimi come il Presidente Obama e la First Lady Michelle ? Difficile dirlo perché l’avversario è sugli scudi e incita alla rivolta, alla giustizia e grida alla truffa democratica. Nei comizi delle ultime ore i suoi sostenitori gridano “in galera, in galera”… insomma un clima davvero infuocato e che rende il problema della sicurezza in pieno codice rosso. Preoccupato per la partenza ? Sinceramente si !