Creatività è sinonimo di libertà.

Quel ponte fra l’Io e l’universo. Creatività è sinonimo di libertà. Una libertà esigente e coraggiosa. E’ creativo chi non si ferma, chi non si arresta alla prigione di un arrivo. E va avanti, cerca, collega, osa, prova...impara. Essere creativi significa tener fede alla propria umanità, anzi ne è la prerogativa. Perché creatività , scrive Daisaku Ikeda, è forzare la pesante porta d’ingresso della vita stessa per far fluire il nuovo dall’interno. Creare etimologicamente significa “fare”. Concretizzare il proprio pensiero, la propria visione, il proprio sogno. In un quadro, in un brano musicale, in una poesia, in un’invenzione. Ma anche nelle azioni apparentemente più semplici della vita quotidiana: trasformare un conflitto, risparmiare dei soldi, trovare la cura giusta, incoraggiare una persona, rendere l’esistenza più bella e felice. Il potere dell’arte esemplifica questa ambizione umana, e solo umana, di perfezionare il mondo per dare alla realtà un contributo nuovo, migliore, esprimendo ciò che è ancora inespresso. Una vita creativa, è sempre volta a trascendere il sé individuale e a superare i limiti di spazio e di tempo nel perseguimento del sé universale. E l’opera d’arte, espressione irrefrenabile di questa spinta creativa, con il suo potere integrante agisce sugli esseri umani perché trasporta l’esperienza  personale in una forma dal significato universale che parla al cuore di tutti. Per questo l’arte fa bene alla vita. 

Tratto da: Buddhismo e Società.

 

Annunci