Sulla bonaccia dell’Election Day, soffia gia’ il vento dell’impeachment.

img_5013
New York. Finalmente ci siamo. L’America e’ pronta ad eleggere il nuovo Presidente. Quella che si prospetta pero’, dagli umori ed informazioni raccolte oggi nei quartieri generali e tra la gente comune, e’ la consapevolezza che qualora la candidata democratica vincesse con esiguo margine, avrebbe un mandato durissimo, minacciato costantemente dal ricatto repubblicano di metterla fuori gioco. E’ piu di un semplice rumors , parrebbe un piano gia’ ben delineato. La partita e’ ancora aperta, ma la svolta imprevista del comunicato FBI ha ridato smalto alla Clinton affrancandola sul punto percentuale di vantaggio, troppo poco pero’ per mettere alle corde Donald Trump. I dati ufficiali comunicati dalle Tv americane a poche ore dall’apertura dei seggi, indicano comunque una insoddisfazione maggiore qualora l’eletto fosse proprio lui, il 48% dei cittadini americani sostiene questo mentre Hillary e’ al 43%. Questa sera lei sta tenendo un mega comizio a Philadelphia , con ospiti illustri dal marito Bill, la figlia Chelsea e addirittura Barak e Michelle Obama, capace di infiammare le masse, ultimo ma non ultimo Bon Jovi. Donald galoppa vertiginosamente tra uno Stato chiave e l’altro ripetendo il mantra, “spazzerò via la corruzione e la corrotta” e giu’ ovazioni e urla. Le Tv , sia quelle via satellite che quelle via cavo, sono gia’ in piena operatività’ lasciando fiato per respirare solo durante gli innumerevoli breaks pubblicitari. Si chiude quindi la campagna peggiore e piu’ costosa della storia repubblicana ma ci auguriamo non abbatta anche un altro record… quello del mandato piu’ breve. A domani.

Annunci

“One Man Show” contro tutti per il countdown finale .

img_1100

New York. In queste ore di permanenza dentro la campagna elettorale che porterà un nuovo Presidente alla Casa Bianca, non son più tanto gli scandali giornalieri a sorprendere gli osservatori ma l’assetto d’attacco delle rispettive compagini : democratici e repubblicani. È’ incredibile leggere le cartelle stampa ufficiali sugli interventi dei due candidati negli Stati, quello che balza immediatamente agli occhi è la differenza strategica a poche ore dall’elezione. Se da una parte  Hillary Clinton, in piena difficoltà, ha schierato una macchina da guerra che comprende i pezzi da novanta del partito, compreso il Presidente in carica che mai nella storia si è visto così impegnato a favore di un collega, Donald Trump si basta da solo. Così come è partito in primarie , convinto di essere lui il prescelto, infatti si è sbarazzato poco alla volta dei fantocci di partito, uno peggio dell’altro ed incapaci di fermare tanta carica, così arriva alla linea del traguardo, contando solo sulle sue idee populiste e arroganti ma capaci di catalizzare ovunque , gli scontenti, i disoccupati e giovani ribelli ad una politica sbagliata e corrotta Continua a leggere

Si parte … e i sogni son di nuovo realtà !

New York Times Square

Era il 1993. A Roma ero molto più giovane e dedito alle vicende politiche italiane.  L’aria che respiravo, non quella della capitale ma politica, era già allora stantia, pesante , insomma mi capite se siete entrati di colpo in uno di quei locali pieni di fumo e odori di cucina pesante. Un fatto ristabilì il mio entusiasmo e la convinzione che qualcosa, un giorno remoto, forse avrebbe potuto cambiare anche da noi. Dal profondo anonimato di un piccolo Stato dell’America, altrettanto anonimo ai più, e situato a sud del Paese, l’Arkansas, un Governatore di bella presenza, tale William Jefferson Clinton per i più “Bill” era divenuto il 42° Presidente degli Stati Uniti d’America. A soli 48 anni, l’uomo più potente del mondo. Accanto a lui una giovane moglie e una meno bella figlia. I giornali americani e non solo, dividevano i loro commenti, tra la sua simpatia e immagine di uomo sexy e la First Lady : l’avvocato Hillary Diane Rodham Clinton, uno dei cento più bravi d’America. Continua a leggere

Non lanciate razzi sui bambini addormentati

yemen

Barack Obama : discorso all’Università del Cairo, 4 giugno 2009. Il Time Magazine lo ha definito “la più importante allocuzione mai pronunciata sul Medio Oriente da un leader americano. 

In giorni difficili di riflessioni complesse su avvenimenti che sconvolgono culture e interi Paesi, ho trovato confortante rileggere questo documento nel quale vi sono messaggi di speranza. Ne condivido alcuni stralci tra i più importanti. Oggi, mi chiedo se siano attualizzabili  o se quelle parole, vengano spazzate via dalla rabbia e desiderio di vendetta fino a delinearne sfumature di un auspicabile e futuro conflitto armato.

Ci incontriamo qui in un periodo di forte tensione tra gli Stati Uniti e i mussulmani in tutto il mondo, tensione che ha le sue radici nelle forze storiche che prescindono da qualsiasi annuale dibattito politico […]Violenti estremisti hanno saputo sfruttare queste tensioni per mobilitare una minoranza, esigua ma forte, di mussulmani. Gli attentati dell’11 settembre 2001 e gli sforzi continui di questi estremisti volti a perpetrare atti di violenza contro civili inermi hanno indotto alcune persone nel mio paese a considerare l’Islam come inevitabilmente ostile, non soltanto nei confronti dell’America e dei paesi occidentali in genere, ma anche dei diritti umani. […] Continua a leggere

Social President.

image

Secondo la moderna sociologia e degli studiosi di strategie politiche i Social negli ultimi 10 anni hanno condizionato, se non creato, nuove figure di potere. Per citare due nomi : Francois Hollande e Barak Obama. Ma quanto i prodotti umani suggeriti all’elettorato dei singoli Paesi  sono stati DOC o bufale ? Leggendo gli attuali sondaggi di gradimento, dovremmo apporre un post generale che indichi : usare con cautela previa consultazione dei possibili risultati finali. Continua a leggere